Rassegna Stampa

All’interno di questa pagina troverai gli articoli che hanno scritto sul Club Scherma Lucca TBB

Lo Schermo: Club Scherma Lucca TBB: ottimi risultati dalle giovani leve

28-05-2013 / Scherma / La redazione

LUCCA, 28 maggio – Risultati di rilievo per i giovani atleti del Club Scherma Lucca TBB nelle ultime settimane. Firenze, Brescia e Livorno i teatri di queste importanti prestazioni.A Firenze, presso il Circolo di Scherma “R.Raggetti”, si è disputato il Trofeo Cadetti riservato agli schermitori nati nel 1996, 1997 e 1998 che non si sono qualificati per la fase finale del Campionato Italiano.Vincitore della competizione fiorentina è stato un atleta lucchese, Francesco Salvo (1998), il quale è salito sul gradino più alto del podio dopo aver “sbaragliato” tutti gli avversari, molti dei quali più grandi di lui di due anni. Dopo aver compiuto il salto di categoria all’inizio della stagione con un impatto impegnativo, pagato con paura e difficoltà, Francesco Salvo ha comunque continuato a lavorare sia con il Club Scherma Lucca TBB e, in particolare con il Maestro Roberto Tarfano, sia effettuando gemellaggi con il Club Scherma Pisa Antonio Di Ciolo, dove è stato seguito dall’Istruttore Michele Ciocci e dalla psicologa dello sport Clara Bonuccelli. Questo lavoro continuo e minuzioso ha portato al grande miglioramento tecnico, tattico e psicologico dell’atleta lucchese, evidenziato nella prova di Firenze. Nei due turni di girone a 5 stoccate ha collezionato tutte vittorie e nella diretta a 15 non è stato turbato da nessuno dei suoi avversari, conquistando, pertanto, il titolo per il 2013. Nello stesso week-end un’altra schermitrice del Club Scherma Lucca TBB si è distinta nel panorama internazionale. Si tratta dell’atleta paraolimpica Alessia Biagini, la quale ha partecipato alla competizione internazione di Lonato del Garda valevole per la Coppa del Mondo di scherma in carrozzina. Purtroppo Alessia Biagini è stata penalizzata al momento delle classificazioni quando due giudici classificatori, con una forse eccessiva pignoleria, l’hanno classificata in categoria A, smentendo quindi il referto della categoria nazionale, la quale la poneva nella B. La schermitrice ha pertanto dovuto affrontare la competizione nella categoria A, dove ha gareggiato con atlete con disabilità inferiori alla sua. Nonostante questo Alessia Biagini ha condotto una gara all’altezza della situazione, non preoccupandosi né della campionessa europea ungherese né di quella olimpica di Hong Kong. Ha combattuto tutti gli assalti con grinta e determinazione, dimostrando incredibili miglioramenti sotto ogni punto di vista. Anche lei come Francesco Salvo si è avvalsa della collaborazione tra i maestri del Club Scherma Lucca TBB e quelli del Club Scherma Pisa Antonio Di Ciolo, senza dimenticare il prezioso aiuto della psicologa Clara Bonuccelli. La vittoria più bella di Alessia è arrivata nell’ultimo giorno di gara, quando i giudici hanno riconosciuto l’errore, classificandola pertanto nella categoria B. Ancora successi per il Club Scherma Lucca TBB nei circuiti agonistici “Insieme per giocare alla scherma“, promossi dallo CSAIn (Centri Sportivi Aziendali Industriali). A far emergere le qualità della società schermistica lucchese è stato il 3° Trofeo “I cuori di Silvia”, svoltosi a Livorno il 19 maggio scorso presso la scuola di scherma Rolando Rigoli e dedicato a Silvia Pierucci, arbitro internazionale e psicologa dello sport. In questa occasione si sono classificati primi Andrea Guidotti (2003) per il fioretto maschile della categoria “prime lame”, e Chiara Paiano (2005) per il fioretto femminile della categoria “cuccioli”, la quale ha trovato la vittoria dopo aver sconfitto anche tutti i maschi presenti nelle fasi dei gironi e delle eliminatorie. Sergio Costa (2005), sempre per il fioretto maschile, ha invece conquistato il terzo posto sul podio nella categoria “cuccioli”. Gli atleti del Club Scherma Lucca TBB si sono distinti anche nella categoria “maschietti”, dove Gioele Stefani si è classificato 2°; Niccolò Ricci  e Lorenzo Pierotti 3°; e Federico Mancuso 5°. Grande la soddisfazione dei Maestri del Club Scherma Lucca TBB, i quali, oltre ad essere contenti per i risultati ottenuti, sono ancora più felici se tali risultati avvengono in iniziative che, oltre allo sport, promuovono anche una dimensione sociale. “Lo sport – spiega infatti il maestro Roberto Tarfano – deve intendersi sì come movimento sportivo, ma anche come strumento di crescita e di integrazione sociale. Perché lo sport è anche solidarietà”.

La Redazione – @LoSchermo

Luccaindiretta: Il Club Scherma Lucca Tbb in evidenza al trofeo “I cuori di Silvia”

Ancora successi per il Club Scherma Lucca Tbb nei circuiti agonistici Insieme per giocare alla scherma, promossi dallo CsaIn (Centri Sportivi Aziendali Industriali). A far emergere le qualità della società schermistica lucchese è stato il terzo Trofeo I cuori di Silvia, svoltosi a Livorno il 19 maggio scorso alla scuola di scherma Rolando Rigoli e dedicato a Silvia Pierucci, arbitro internazionale e psicologa dello sport.  In questa occasione si sono classificati primi Andrea Guidotti (2003) per il fioretto maschile della categoria prime lame, e Chiara Paiano (2005) per il fioretto femminile della categoria cuccioli, la quale ha trovato la vittoria dopo aver sconfitto anche tutti i maschi presenti nelle fasi dei gironi e delle eliminatorie. Sergio Costa (2005), sempre per il fioretto maschile, ha invece conquistato il terzo posto sul podio nella categoria cuccioli. Gli atleti del Club Scherma Lucca Tbb si sono distinti anche nella categoria “maschietti”, dove Gioele Stefani si è classificato secondo; Niccolò Ricci  e Lorenzo Pierotti terzo; e Federico Mancuso quinto.
Grande la soddisfazione dei Maestri del Club Scherma Lucca Tbb, i quali, oltre ad essere contenti per i risultati ottenuti, sono ancora più felici se tali risultati avvengono in iniziative che, oltre allo sport, promuovono anche una dimensione sociale. “Lo sport – spiega infatti il Maestro Roberto Tarfano” – deve intendersi sì come movimento sportivo, ma anche come strumento di crescita e di integrazione sociale. Perché lo sport è anche solidarietà”.
Letto 66 volte

Lascia un Commento